Calendario eventi

Il trust familiare fra protezione del patrimonio e passaggio generazionale. Le possibili casistiche di utilizzo e il confronto con gli altri istituti giuridici


Four Points by Sheraton Padova
Venerdì 18 Gennaio 2019

Corso Argentina, 5 - 35129 Padova (PD)
Mappa

In collaborazione con
Gruppo Euroconference Spa


Calendario Incontri

  • 18/01/2019
    Il trust familiare fra protezione del patrimonio e passaggio generazionale. Le possibili casistiche di utilizzo e il confronto con gli altri istituti giuridici
    Orario: 09:30 - 13:30 / 14:30 - 17:30

7 Crediti Formativi


Apertura prenotazioni il 18/12/2018

Costi di iscrizione:

Categoria Quota
ISCRITTI ADCEC TRE VENEZIE 2018/2019 € 0,00
NON ISCRITTI ADCEC TRE VENEZIE + IVA € 100,00

Approfondimenti:

Venerdì 18 gennaio 2019 ore 9.30 - 17.30

9.00
Registrazione partecipanti

9.30
Saluti iniziali
Fabio Marchetto - Presidente ADCEC delle Tre Venezie
Dante Carolo – Presidente ODCEC Padova

Inizio lavori - Intervengono:
Sergio Pellegrino
Dottore Commercialista, Revisore Contabile, Giornalista in Trieste. Amministratore di “Consulta Delta Erre Trust Company”, Pubblicista e Docente in materia di Trust e Protezione del Patrimonio. Dal 2013 Direttore Scientifico e Organizzativo di Centro Studi Tributari, Direttore del quotidiano “Euroconference News”

Vincenzo Attianese
Notaio in Albignasego, è stato titolare dell’insegnamento di “Diritto delle Obbligazioni” ed ha svolto l’attività di docente nelle materie di diritto commerciale e diritto delle successioni. Relatore in materia di diritto civile e commerciale ed in tema di Trust.

Emanuela Di Maggio
Notaio in Napoli, è stata Docente alla Scuola di Notariato del Comitato Triveneto per 9 anni con argomento successioni e legati. Pubblicista e Relatrice in numerosi convegni di ordine giuridico – notarile e in materia di Trust.

Daniele Muritano
Notaio in Empoli, pubblicista in ambito di tutela del patrimonio familiare. Negli ultimi anni ha sostenuto diverse docenze collaborando con numerosi Consigli Notarili, Ordini di Avvocati e Commercialisti e Organizzazioni di eventi di formazione.

Introduzione al trust

  • Il ruolo della Convenzione de L’Aja
  • I protagonisti del trust: disponente, trustee, beneficiari e guardiano
  • La distinzione tra trust per beneficiari e trust di scopo
  • L’utilizzo di una legge regolatrice straniera
  • La protezione del patrimonio come effetto (e non causa) dell’istituzione del trust
  • Il perseguimento di un interesse meritevole di tutela nella valutazione della giurisprudenza

La fiscalità indiretta e diretta del trust interno

  • Le diverse tesi sulla tassazione indiretta del trust
  • Il funzionamento dell’imposta di successione e donazione
  • L’applicazione dell’esenzione su trasferimenti di partecipazioni e aziende per favorire il passaggio generazionale
  • L’applicazione delle imposte ipocatastali per la disposizione di immobili in trust
  • L’inquadramento del trust come soggetto passivo Ires
  • La determinazione del reddito sulla base della distinzione tra trust commerciale e trust non commerciale
  • Le fattispecie più rilevanti: utili da partecipazioni in società di capitali e di persone, proventi immobiliari, proventi finanziari, royalties
  • La tassazione del reddito sulla base della distinzione tra trust trasparente e trust opaco

11.15
Pausa caffè

Il trust per il passaggio generazionale dell’azienda di famiglia

  • L’esigenza di pianificare un “ordinato” passaggio generazionale
  • Il patto di famiglia come strumento alternativo al trust
  • Il possibile utilizzo “combinato” di patto di famiglia e trust

Il trust per la gestione dei rapporti societari

  • La disposizione delle partecipazioni in trust e il ruolo del trustee socio di società
  • L’utilizzo del trust per bilanciare i rapporti nelle società a base familiare
  • L’utilizzo del trust per bilanciare i rapporti nelle società controllate da diverse famiglie
  • Il ricorso ai sottofondi

Il trust per la tutela degli interessi familiari

  • Il trust per la protezione dei figli minori
  • Il trust per il passaggio del patrimonio a figli di madri/padri diversi
  • Il trust per tutelare “figli” problematici
  • Il trust in ipotesi di separazione e divorzio

13.30
Pausa Pranzo

14.30
Lavori pomeridiani

Il trust per le coppie di fatto

  • L’assenza di tutela per il compagno/a in assenza di matrimonio o unione civile
  • I vantaggi derivanti dal ricorso al trust per garantire la tutela patrimoniale
  • I vantaggi derivanti dal ricorso al trust per garantire la tutela degli “affetti”

Il trust per i soggetti affetti da gravi disabilità

  • La disciplina della legge sul dopo di noi
  • I vantaggi fiscali come incentivo al ricorso al trust
  • Le criticità legate alla necessità di utilizzo del fondo in trust per le sole necessità del soggetto debole
  • L’utilizzo del trust “convenzionale” per contemperare le esigenze del soggetto debole e degli altri componenti del nucleo familiare

Il trust per la realizzazione di una finalità benefica

  • L’istituzione di un trust di scopo per la realizzazione di una finalità benefica
  • La qualifica del trust come Onlus/Ets e i benefici di carattere fiscale

L’intreccio con la disciplina successoria e la circolazione dei beni di provenienza donativa

  • Le limitazioni imposte dalla normativa successoria
  • Le lesioni dei diritti dei legittimari e gli strumenti di tutela ad essi riservati
  • I limiti alla circolazione dei beni di provenienza donativa
  • La rinuncia all’azione di restituzione come possibile soluzione
  • Le prospettive di modifica della disciplina

Le azioni a tutela dei creditori e dell'erario

  • L’azione revocatoria
  • L’espropriazione dei beni oggetto di atti a titolo gratuito
  • Il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte

17.30
Conclusione lavori

 

-------------------

 

In collaborazione con:

 


Note:

REVISORI LEGALI
I partecipanti Revisori Legali, ai quali non saranno riconosciuti i crediti formativi, possono richiedere il rilascio dell’attestato di frequenza.

RECESSO
A ciascun iscritto è attribuito il diritto di recesso ai sensi dell’art. 1373 c.c., l’iscrizione decorre dal ricevimento del pagamento ed il recesso dovrà essere comunicato per iscritto ed inviato all’indirizzo P.E.C. adcec3v@legalmail.it entro due giorni lavorativi antecedenti la data del primo appuntamento. In caso contrario sarà trattenuta l’intera quota di iscrizione e l’iscritto manterrà il diritto ad ottenere l’eventuale materiale didattico.

ANNULLAMENTO
L’ADCEC delle Tre Venezie si riserva il diritto di annullare l’appuntamento nel caso di mancato raggiungimento del numero minimo di 30 iscritti. In caso di annullamento di appuntamenti a pagamento, ciascun iscritto avrà diritto al rimborso integrale della quota di iscrizione.


Allegati: